il cannolo siciliano classico

Chi di voi non ha mai assaggiato un cannolo siciliano? è uno dei dolci più buoni e conosciuto in tutto il mondo! Ho avuto la fortuna di seguire un corso di cucina dedicato proprio al cannolo tenuto dallo chef siciliano Antonio Colombo, vincitore di numerosi premi e pasticcere della Locanda Gulfi di Chiaramonte Gulfi (RG). Questa è la sua ricetta! 6tag_140615-191743 INGREDIENTI per le cialde

  • 250 g di farina 00
  • 1 tuorlo
  • 35 g di zucchero semolato
  • 55 g di Marsala
  • 1 pizzico di sale
  • 1/2 caffè espresso
  • 20 g di strutto (o burro)
  • 1/2 cucchiaino di caffè in polvere
  • olio per friggere

INGREDIENTI per il ripieno

  • 250 g di ricotta
  • 60 g di panna fresca
  • 40 g di zucchero a velo
  • vaniglia (opzionale)
  • pistacchi tritati
  • scorzette di arancia

Versare tutti gli ingredienti in una ciotola e mescolare per qualche minuto finchè tutto ben amalgamato. Se si ha a disposizione una planetaria si farà molto prima, ma si può benissimo eseguire questa ricetta a mano. Per ottenere una pasta più leggera si può fare riposare l’impasto per una mezz’oretta in frigorifero, ma risulta buonissima anche senza questo passaggio. Dividere l’impasto in più palline e stenderle una per una con un mattarello su una superficie infarinata, fino ad ottenere uno spessore di circa 2 millimetri. WP_20150614_007 Ritagliare con un coppapasta dei cerchi, avvolgerli attorni ai “cannoli” d’acciaio (i tubi fatti apposta), sigillare le estremità che si sovrappongono bagnandosi leggermente un dito con acqua e friggere nell’olio bollente (la ricetta originale siciliana vuole che i cannoli si friggano nello strutto). I cannoli saranno pronti in pochissimi secondi. WP_20150614_009 Preparare il ripieno mescolando la ricotta (attenzione, se è molto fresca o se ha tanta acqua dentro conviene scolarla) con la panna e lo zucchero a velo. Si deve mescolare molto poco per ottenere una crema densa, più si mescola più diventerà liquida. Riempire le cialde con una tasca da pasticcere o un cucchiaio, decorare una estremità con una scorzetta di limone e l’altra con i pistacchi tritati e spolverare con altro zucchero a velo. Vi sfidiamo a riuscire a mangiarne solo uno!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...